Speck


La passione dei tirolesi per l'affumicatura è leggendaria. Non stupisce quindi che da secoli questo metodo di conservazione della carne, il cui esito in termini di gusto è sempre sorprendente, venga ...

La produzione dello speck è relativamente semplice. Si prende un pezzo di carne, generalmente di maiale, lo si sala e lo si appende nell'affumicatoio, dove lentamente matura sino a diventare speck.

Nella realtà non è poi così facile. In primo luogo occorre scegliere il pezzo di carne, che deve presentare una venatura adeguata e non deve essere né troppo umido né troppo asciutto. Si procede poi all'aromatizzazione: sono pochissimi i produttori che si limitano a salare la carne. I più, infatti, ricorrono a proprie segrete miscele di erbe aromatiche (anche se il ginepro è sempre tra le più apprezzate).

Il gusto dipende in definitiva anche dal tipo di legno che viene bruciato e nel cui fumo viene posta la carne. Solo chi ha provato una volta ad annusare il profumo del legno di faggio, di quercia o di larice sa che la differenza non è solo olfattiva.

Nel suo insieme lo speck finito è quindi un quadro gastronomico, dove niente viene lasciato al caso. E poiché niente è più bello che sperimentare nuove ricette, il mercato propone gusti sempre nuovi. Per i consumatori ciò significa provare, provare, provare! E in Tirolo, sicuramente, non ne mancherà l’occasione!


Fare in casa...


Vi potrebbero anche interessare


In su
La tua casella di posta elettronica ha bisogno di vacanze?

Allora iscriviti alla nostra newsletter periodica dal Tirolo con esclusivi consigli per le vacanze.

Live Chat
Live Chat