Blog
Categorie
© Tirol Werbung / Rodler Ilvy
Mangiare e bere
© Bert Heinzelmeier
Persone
© Tirol Werbung / Aichner Bernhard
Arte & cultura
© Tirol Werbung / Moore Casey
Tips
© Tirol Werbung / Herbig Hans
Famiglia
© Tirol Werbung / Schwarz Jens
Varie
© Tirol Werbung / Neusser Peter
Sport

Veramente cool

Aggiornato al 07.02.2022 in Tips, Foto: Bert Heinzlmeier

La nostra autrice è stata abbastanza brava a evitare il freddo finora. Preferiva trascorrere le giornate invernali al caldo. Ma le grandi e le piccole avventure si svolgono all'aperto. Si può imparare a dare una chance al freddo?

Se scorro i miei ricordi, la mia stanza è sempre il luogo più caldo. Quando mio padre la sera mi rimboccava le coperte tutt'intorno per farmi stare bene e al caldo. Rimanevo lì come in un bozzolo, incapace di muovermi a a causa della sua cura e del suo amore. Per lui era sempre importante che non avessi freddo. Perché la sua infanzia non è stata confortevole come la mia, essendo cresciuto in una vecchia fattoria dove l'inverno dipingeva fiori di ghiaccio sulla finestra.

La nostra autrice ha sempre amato la neve - vista dal caldo davanzale della finestra. Adesso basta!
La nostra autrice ha sempre amato la neve - vista dal caldo davanzale della finestra. Adesso basta!

Ed eccomi qui adesso. Una ragazza viziata dal caldo, che d'inverno non riesce ad addormentarsi con i piedi freddi. Quando il termometro si stabilizza intorno allo zero, esco solo in caso di emergenza. Per me il motto “non esiste il brutto tempo, solo i vestiti sbagliati” non esiste. Il paradosso: amo la neve, ma piuttosto la guardo su Instagram o dal davanzale. Quando finalmente esco al sole e con temperature sopra lo zero, del bellissimo paese delle meraviglie invernale rimangono solo dei mucchietti grigi. Come a dirmi: peggio per te!

Ma basta adesso: non voglio più perdermi nulla. Perciò, mi sposto lentamente in avanti e continuo ad abbassare il regolatore di temperatura. Fino a quando non sarò pronta per una notte nella neve e nel ghiaccio. Oppure no.

Giorno 1: 10 ore all'aperto? Ma sul serio? 

Sono passate da poco le 8:00 con 2 gradi sotto zero alla stazione intermedia degli impianti di risalita di Lienz. Tremante e impaurita, aspetto che la mia guida mi introduca nel regno del freddo. Perché le persone spendessero i loro preziosi risparmi per scivolare giù dalla montagna con gli sci sotto il cielo invernale per dieci ore è sempre stato un mistero per me.

Per Gerhard Kofler, il lavoro e la vita sulla neve sono abbastanza normali. È il tipo di persona che non si spaventa quando il walkie-talkie gli gracchia improvvisamente sul petto. È sempre calmo, ha sempre il controllo della situazione. Gerhard lavora qui da 36 inverni. In qualità di addetto agli skilift, tecnico e anche  "Feel Good Manager", si occupa di tutto  ed è sempre in giro là fuori. Quindi, se qualcuno sa come affrontare il freddo nella vita di tutti i giorni, è lui.

Gerhard Kofler sulla strada verso il suo posto di lavoro presso l'impianto di risalita: come addetto allo skilift e tecnico, sa come affrontare il freddo giorno dopo giorno.
Gerhard Kofler sulla strada verso il suo posto di lavoro presso l'impianto di risalita: come addetto allo skilift e tecnico, sa come affrontare il freddo giorno dopo giorno.

Gerhard ha già allacciato gli sci ed è pronto per ispezionare la pista. Tutto deve essere pronto per gli ospiti entro le 9:00. Anch’io mi allaccio gli sci e raggiungiamo un vicino skilift. Gerhard scia velocemente e senza bastoncini, così ha sempre le mani libere, non si sa mai. In compenso sono contenta che oggi ci siano condizioni quasi da principianti, piste blu, temperature miti, poco vento. Ma Gerhard ricorda ancora bene l'inverno del 2019, con abbondanti nevicate, tempeste e nebbia. In totale si sono depositati 5,70 metri di neve. “È stato uno degli inverni più rigidi. Non abbiamo fatto altro che spalare tutto il giorno ", dice. Ma la neve non è infida, lo sono le notti limpide con venti freddi, quando le temperature raggiungono i 25 gradi sotto zero.

Se chiedi a Gerhard come resiste, alza le spalle e borbotta: "Principio della cipolla". Un'idea non nuova. Per inciso, l’Ötzi è l'inventore della tecnologia di isolamento, sì, esattamente, l'escursionista mummificato che visse nelle Alpi Venoste circa 5.300 anni fa. I ricercatori sono stati in grado di determinare che indossava già diversi strati di vestiti: una specie di impermeabile fatto d'erba copriva il perizoma di pelle e il cappotto di pelliccia. Non lo ha aiutato, penso tremando per il freddo. Ma il principio della cipolla funziona ancora oggi, solo con altri materiali, dal pile al softshell. L'importante è che gli strati siano belli larghi in modo che l'aria possa circolare tra di loro per trattenere il calore.

Qualche trucco per un lungo turno all'aria gelida dell'inverno: abbastanza spazio tra gli strati di abbigliamento. E calzini di lana.
Qualche trucco per un lungo turno all'aria gelida dell'inverno: abbastanza spazio tra gli strati di abbigliamento. E calzini di lana.

Anche se il sole splende, oggi mi sembra piuttosto freddino. Dipende principalmente dal vento. "È quello che fa la differenza e aumenta la sensazione del freddo", afferma Gerhard. L'umidità non è da sottovalutare. "Meno 15 con aria secca non è così male come meno 5 con umidità."

Lo skilift Lackenboden porta a 2.075 metri sul livello del mare: c'è tanto vento. Alzo il colletto, desiderando che tutti i capi di abbigliamento diventino più lunghi e forse anche più spessi premendo un pulsante. Gerhard sembra rilassato, come se non si accorgesse nemmeno del freddo: qual è il suo segreto? “Indosso sempre calzini di lana, lavorati a maglia da mia nonna.” Perché se i miei piedi sono caldi, vale anche per tutto il corpo. Anche muovere le dita dei piedi di tanto in tanto aiuta a stimolare la circolazione sanguigna.

Riscaldarsi dall'interno non aiuta. “Valeva forse molto tempo fa che gli operatori di skilift avevano sempre in tasca la grappa. Per noi è un divieto assoluto.” Non solo perché l'alcol è vietato sul lavoro, ma perché apre i pori, facilitando la penetrazione del freddo.

“È questione di dettagli”: nel cappello di Gerhard è cucita una striscia di feltro, che protegge la testa dal freddo come un nastro isolante. Ne ho bisogno anch'io! Quando mi siedo sul divano dopo una lunga giornata fredda, mi addormento quasi subito. Il freddo consuma energia. E mi rendo conto: indossare vestiti caldi serve solo fino a un certo punto. Forse devo cambiare mentalità. Anche se è scomodo: devo uscire dalla mia zona di comfort.

Giorno 2: L'era glaciale 

Le 6 del mattino, 7 gradi sotto zero davanti al lago Tristacher See. Mi stropiccio gli occhi e penso di sognare: "Josef, non fai sul serio, cosa significa?" Josef Köberl sta accanto a me, completamente rilassato, seminudo e in pantaloncini. "Non voglio essere troppo riscaldato adesso che andiamo a nuotare."

In cammino verso il test numero due, che sarà infinitamente più difficile di qualsiasi cosa l'autrice abbia precedentemente sopportato in tema di freddo.
In cammino verso il test numero due, che sarà infinitamente più difficile di qualsiasi cosa l'autrice abbia precedentemente sopportato in tema di freddo.

Il bagno nel ghiaccio è un'esperienza di tendenza che dovrebbe spingere gli animi stanchi a uscire dalla tristezza. Il must degli influencer di Instagram, che a quanto pare celebrano il nuoto nel ghiaccio in un'atmosfera intima, a volte a lume di candela. E poi c'è Josef, il detentore del record del freddo in Austria. Deve il titolo alla sua perseveranza di oltre 2,5 ore in una vasca da bagno piena di cubetti di ghiaccio. Nuota regolarmente nel lago del ghiacciaio di Hintertux e tiene corsi con i quali ha già condotto oltre 3.600 persone nell'acqua ghiacciata. Proprio il mio tipo!

Ancora al buio inciampiamo nella rimessa per le barche. Questo è l'unico punto del Tristacher See a 800 metri sul livello del mare che non è coperto da ghiaccio spesso. Josef rompe il sottile strato di ghiaccio con una scala di metallo. Non ci sono scuse.

Siamo pronti: il detentore del record del freddo Josef Köberl colpisce con la scala il sottile strato di ghiaccio del Tristacher See.
Siamo pronti: il detentore del record del freddo Josef Köberl colpisce con la scala il sottile strato di ghiaccio del Tristacher See.

Cresciuto in una fattoria di montagna della Stiria, Josef è abituato al freddo. Nel 2011 ha partecipato a una maratona di nuoto nel lago di Hallstatt nel Salzkammergut. Da allora, l'acqua è il suo elemento: nel 2015 ha attraversato a nuoto il Canale della manica in 14 ore. A pochi metri dal buco stendiamo i nostri asciugamani. Josef è pronto nel suo elegante costume da bagno e in un batter d'occhio è nell'acqua fredda a 1,5 gradi. Seguo lentamente. Il mio piano principale: entrare velocemente, fare una nuotata e uscire di nuovo velocemente. Josef non ne è entusiasta. "Molto dannoso per l'organismo."

A differenza di me, Josef sa esattamente come reagisce il suo corpo all'acqua ghiacciata. È importante accettare il dolore. La pelle deve adattarsi alla temperatura dell'acqua fredda. È quindi importante respirare sempre profondamente con l'addome. Questo segnala al cervello che non c'è pericolo. Altrimenti il tuo corpo si irrigidirebbe per lo shock e annegheresti, come spesso accade quando le persone sprofondano nel ghiaccio. Alla faccia della teoria.

Josef Köberl dopo il bagno di ghiaccio: l’esperto non si veste velocemente. Sta tremando per riscaldarsi.
Josef Köberl dopo il bagno di ghiaccio: l’esperto non si veste velocemente. Sta tremando per riscaldarsi.

Fino alle caviglie ce l'ho fatta. “E come ti senti?” La voce di Josef è molto calma e in qualche modo calda. Un cenno incerto da parte mia. Mi fanno male le cosce. Nessun bruciore, più come una pressione che circonda le mie gambe. Panico, respiro affannoso. Josef si accorge che non sto bene e mi manda fuori un momento. L'allenatore del freddo pensa per me. "Stai bene?" La sua voce è come una coperta calda in cui posso avvolgermi. Caviglie, ginocchia, stomaco, mi immergo sempre di più. "Stai calma, non ti succederà niente." Ok, Josef. Respirazione addominale, giù, sempre più giù. Mi fido completamente, blocco tutto il resto intorno a me e, infatti, facciamo qualche bracciata. Ma basta adesso, e mi aggrappo alla scala. Mi aggrappo al metallo, ho male dappertutto. Volevo abbracciare il freddo e quello, cosa fa? Mi fa a pezzi. Il tutto dura 5 minuti, poi sono di nuovo sull'asciugamano e quasi dimentico di rivestirmi. Inizia il processo di riscaldamento e con esso il grande tremore. Vestirsi si rivela un ostacolo, alla fine Josef mi mette le scarpe. Lui non si veste, Josef si riscalda tremando.

Dentro veloce, fuori veloce? Sarebbe molto dannoso per l'organismo. L'autrice deve entrare nel ghiaccio lentamente.
Dentro veloce, fuori veloce? Sarebbe molto dannoso per l'organismo. L'autrice deve entrare nel ghiaccio lentamente.

Sulla sua barba si sono formati dei cristalli di ghiaccio. Sì, anche lui ha freddo, e sì, anche lui soffre. Ma lui lo accetta. E se il dolore è troppo forte, pensa a cosa belle, dice. Sembra così facile, così semplice, ma non lo è. Josef si allena da anni e ama il freddo. Anch’io mi riscaldo ad un certo punto. Soprattutto quando mi rendo conto di cosa sono riuscita a fare. La mia volontà era abbastanza forte e ho, diciamo, sopportato il dolore. Sono riuscita a contenere il panico dentro di me e non mi è successo niente. Quindi non devo più aspettare che qualcuno mi rimbocchi le coperte. È una bella sensazione.

Giorno 3: Dormire nella neve

Avvolta in un enorme sacco a pelo, sono distesa in una grotta di neve. La punta del mio naso è molto fredda, il berretto mi è scivolato leggermente sugli occhi. Il russare sommesso di Magdalena mi ha svegliato. Sta più vicina all'uscita così io posso stare un po' più al caldo. Sono stanca, incredibilmente orgogliosa della nostra costruzione, con la quale ci proteggiamo dal destino di Ötzi. E: non ho affatto freddo. Come è possibile?

Magnifica vista sulle Dolomiti di Lienz. Tuttavia, più il cielo è limpido, più la notte è fredda.
Magnifica vista sulle Dolomiti di Lienz. Tuttavia, più il cielo è limpido, più la notte è fredda.

Poche ore prima ho costruito il bivacco invernale insieme alla guida alpina Magdalena Habernig. Verso le 15 arriviamo a circa 1.600 metri sul livello del mare non lontano dal rifugio Dolomitenhütte. Il sole splende e abbiamo anche diversi gradi sopra lo zero. Spero in una notte calda. Magdalena ha studiato meteorologia e deve deludermi: “Più il cielo è limpido, più la notte diventa fredda. Non sarei sorpresa se arrivassimo a temperature sotto zero a due cifre. ”Le nuvole funzionano come una coperta nell'atmosfera. Se mancano, farà ancora più freddo. Coraggio. Dopotutto, fare il bagno nel ghiaccio è stato un breve dolore, ma avere freddo per tutta la notte mi sembra la sfida più grande.

In cammino verso il test numero tre: mi aspetta una notte nella neve. Senza alcun riscaldamento.
In cammino verso il test numero tre: mi aspetta una notte nella neve. Senza alcun riscaldamento.

I bivacchi invernali servono come alloggio di emergenza (soprattutto perché in Tirolo il campeggio selvaggio è vietato). Se ti perdi o non trovi la strada per tornare a valle in tempo, allora è bene sapere come si costruisce un bivacco. Dopo aver trovato un luogo adatto ai margini del bosco, al riparo dal vento e abbastanza piano, spianiamo la neve dove ci sdraieremo dopo. Lì mettiamo gli zaini uno accanto all'altro, vi si stende sopra il sacco da bivacco e poi si spala la neve fino a quando sugli zaini si accumula una vera montagna. Magdalena continua con regolarità, spalando e battendo la neve. In confronto a lei, mi sento davvero stupida. La cosa più importante ora è non sudare. Meglio lavorare costantemente e lentamente. Non solo il sudore sarebbe fastidioso sotto i vestiti caldi, ma ci raffredderemmo più velocemente.

Per chi si trova in emergenza alpina è un vantaggio aver fatto una notte di prova. L'autrice al lavoro sul bivacco "Panzerknacker".
Per chi si trova in emergenza alpina è un vantaggio aver fatto una notte di prova. L'autrice al lavoro sul bivacco "Panzerknacker".

Stiamo costruendo quello che è noto come un bivacco “Panzerknacker”. In caso di emergenza non ci sarebbe tempo per un confortevole igloo. Poiché gli zaini sono interrati, lo spazio viene creato, diciamo, automaticamente. Devono solo essere dissotterrati come un "tesoro". Da qui deriva il nome Panzerknacker (scassinatori).

Chi è solo in montagna sperimenta il silenzio e il cielo stellato più limpido. Una lampada frontale aiuta ad orientarsi sulla terra.
Chi è solo in montagna sperimenta il silenzio e il cielo stellato più limpido. Una lampada frontale aiuta ad orientarsi sulla terra.

Magdalena rintraccia gli zaini con una sonda da valanga, li scaviamo, scaviamo l'interno e pestiamo la neve. Siamo pronte in tre ore buone, giusto in tempo per il tramonto. Magdalena accende il fornello a gas, c'è la pasta al pesto, e davanti alla nostra grotta di neve si sta quasi bene. A parte noi non c'è nessuno sulla montagna, silenzio assoluto e il cielo stellato più limpido.

L'ingresso del bivacco è al riparo dal vento ed è un po' più basso della nostra zona di riposo. "Ciò significa che l'aria fredda esce e non dovremmo essere sotto gli 0 gradi nel bivacco." I materassini isolanti vengono gonfiati e i sacchi a pelo extra spessi vengono posizionati su di essi. Quindi, per me sono sufficienti biancheria intima da sci, un cappello e calze spesse. Giaciamo in mezzo alla neve come due bozzoli.

L'ingresso del bivacco è al riparo dal vento ed è più basso della zona riposo. Ecco come l'aria fredda scorre all'esterno.
L'ingresso del bivacco è al riparo dal vento ed è più basso della zona riposo. Ecco come l'aria fredda scorre all'esterno.

Mi ero preparata per una notte di orrore assoluto. Ma: non avevo freddo, avevo addirittura caldo e mi sono svegliata solo una volta. Mi accorgo che fuori c'erano meno 5 gradi e la temperatura nel bivacco era intorno allo zero solo quando provo a mettermi le scarpe congelate, che giacevano accanto al mio sacco a pelo.

Sotto zero niente riposo? Stai scherzando? L'autrice ha dormito benissimo.
Sotto zero niente riposo? Stai scherzando? L'autrice ha dormito benissimo.

Avrei passato una notte così piacevole se i miei allenatori del freddo Gerhard e Josef non mi avessero preparata? Se vuoi lasciare la tua zona di comfort, non lo fai premendo un pulsante: è importante avvicinarsi lentamente, sentire il tuo corpo e imparare a fidarti della sua adattabilità. Nel gelido vento invernale, nel lago ghiacciato del ghiacciaio e nell'igloo autospalato, ho imparato che non devo temere nulla.
Nemmeno dal freddo. E adesso? Arrampicata su ghiaccio? Crociera in Antartide? Una vita on the rocks? Le possibilità sono infinite! Tuttavia, ora a casa mi godo la mia borsa dell'acqua calda.

 

 

Gli ultimi articoli di Sandra Langmann
Andare ad arrampicare insieme alla famiglia.
, © Tirol Werbung, Hans Herbig
Aggiornato al 28.07.2022 in Famiglia
10 avventure nella natura solitaria per tutta la famiglia
7 min tempo di lettura
Un'insalata fresca con erbe selvatiche si trova spesso nelle baite tirolesi.
Aggiornato al 21.04.2022 in Mangiare e bere
Una vegana in giro per rifugi
11 min tempo di lettura
Tutti gli articoli di Sandra Langmann
Nessun commento disponibile
Scrivi un commento

Continua a leggere

In su

La tua casella di posta elettronica ha bisogno di vacanze?

Allora iscriviti alla nostra newsletter periodica dal Tirolo con esclusivi consigli per le vacanze.