La stilista tirolese Rebekka Ruétz sulla passerella della Berlin Fashion Week., © Frazer Harrison/Getty Images
La stilista tirolese Rebekka Ruétz sulla passerella della Berlin Fashion Week., © Frazer Harrison/Getty Images

Stilisti tirolesi

Una regione forte come il Tirolo è un terreno fertile anche per stilisti originali, audaci e di gran fama internazionale. Eccone alcuni esempi.

Una regione forte come il Tirolo è un terreno fertile anche per stilisti originali, audaci e di gran fama internazionale. Eccone alcuni esempi.

 

Rebekka Ruétz: il Tirolo sulle passerelle della Settimana della Moda di Berlino

Rebekka Ruétz interpreta la sua visione del Tirolo in una chiave del tutto nuova e anticonvenzionale, ben lontana dai classici Dirndl e dai pantaloni in pelle di daino: design alpini, come strutture rocciose o scandole in legno decorano le stoffe dei suoi capi, modelli stravaganti e materiali esclusivi richiamano il mondo alpino. La stilista trova l’ispirazione e la forza per le proprie creazioni non nelle grandi metropoli del mondo, bensì nella quiete del mondo alpino tirolese. "Le metropoli sono eccitanti, ma non mi aiutano ad essere creativa", afferma la stilista tirolese. Il titolo della collezione inverno 2016/2017 che Rebekka Ruétz ha presentato alla Berlin Fashion Week è: "So close, so far", il quale è valido anche per il Tirolo come metà di vacanza.

Peter Pilotto: un tirolese conquista il firmamento della moda

Peter Pilotto, stella nascente del firmamento della moda internazionale, è nato nel 1977 a Wörgl in Tirolo. Ha frequentato una formazione di due anni di arte e moda a Londra e ha lavorato per tre anni come vetrinista di Vivienne Westwood. Inoltre, ha portato a termine gli studi presso la Royal Academy of Fine Arts di Anversa con il titolo di „most promising student“. La moda di Pilotto è disponibile nei negozi di Parigi, Londra, Anversa, Tokio e negli Stati Uniti. La sua visione di uno stile moderno per la donna coniuga contemporaneamente forme di eleganza classiche e nuove. Le sue fonti ispiratrici spaziano dai balletti russi alle figure science-fiction. In primo piano pone il gioco con nuovi materiali. Un grande onore per lo stilista è stato vedere nel 2009 la First Lady americana Michelle Obama sfoggiare a New York un top della sua maison con il suo inconfondibile “stampato”. Pilotto è particolarmente lusingato di poter vantare una tanto illustre cliente, visto che considera Michelle Obama un’icona, che, a differenza delle first ladies che l’hanno preceduta, può permettersi di indossare capi di giovani stilisti contribuendo, così, a promuoverne l’immagine. Anche Rihanna, star del R&B, è una grande fan di Pilotto e indossa spesso capi realizzati dallo stilista tirolese. www.peterpilotto.com

Frauenschuh

«Vogliamo farvi vedere chi siamo (una ditta famigliare), da dove veniamo (Kitzbühel) e come lavoriamo (preferibilmente a mano). Questi sono i valori che ci sono cari e, siccome preferiamo presentarci di persona, fino a quando non ci conosceremo: benvenuti nel mondo di Frauenschuh!». Con questa frase la ‘maison’ di moda neve e sportswear della celebre località alpina tirolese, nell’era ‘digital’, si presenta sul proprio sito internet. Un atelier e una boutique a pochi passi dalla celebre pista di discesa della Streif, una collezione completa di abbigliamento per lo sci e la neve e per il tempo libero con ampio impiego di materiali pregiati che danno un tocco “d’antan” come la lana cotta e la pelle (trasformati in tessuti hi-tech e a prova di neve e di freddo con trattamenti particolari), articoli tutti made in Austria, Germania e Italia. Con qualche eccezione, come il nuovo jeans realizzato con il miglior denim al mondo, originario del Giappone. E poi… originali berretti in lana lavorati a mano dalle commesse dalla boutique e in numero limitato… Uno stile inconfondibile e che non passa mai di moda per capi dall’alta qualità che si posizionano al top. Fraueschuh dal 1974 è sinonimo di “luxury sportswear from Austria”. Come una vacanza a Kiztbühel. www.frauenschuh.com

Elfenkleid: linee semplici e massima qualità

Elfenkleid è il marchio di una maison attiva a Vienna da sei anni. Le due stiliste di origine tirolese Sandra Thaler e Annette Prechtl si concentrano con le loro collezioni tematiche su uno stile semplice, lineare e danno grande importanza alla massima qualità e all’originalità, senza lasciarsi influenzare dalle mode del momento. Per riuscire in questo intento non puntano su un romanticismo tradizionale, ma sull’eleganza senza tempo. Le loro collezioni vengono già distribuite in Austria, Cina, Germania, Italia, Giappone, Libano, Emirati Arabi e Stati Uniti. Annette Prechtl e Sandra Thaler si sono entrambe diplomate presso il Collegio di Moda della Herbststraße di Vienna. Con la loro prima collezione „Tirol” sono state insignite del premio Pierre Lang Fashion Award.
www.elfenkleid.com

Tiroler Adlerin: una moda per donne forti

Il marchio „Tiroler Adlerin“ è caratterizzato dall’effigie di un’aquila con sembianze decisamente femminili, e non soltanto per le scarpe con i tacchi che indossa. La stilista Margret Schiestl ama riportare sui suoi capi frasi provocanti come “weib’r, es isch zeit”, donne è ora, riprendendo il famoso motto del rivoluzionario tirolese Andreas Hofer che incitava alla rivolta con il suo “uomini è ora”. Il ruolo della donna è un tema che si ritrova spesso nei capi della Schiestl, che afferma che la sua è una moda sensuale per donne forti. Le sue collezioni comprendono gonne a tubino in loden locale con bordure variopinte, berretti di lana lavorati a mano, maglioni alla moda con cappucci e top attillati con un’aquila stampata. I capi lavorati a maglia e stampati di Tiroler Adlerin, realizzati esclusivamente presso l’atelier tirolese, sono reperibili, per il momento, soltanto in pochi e selezionati negozi tirolesi e in internet.
www.tiroler-adlerin.at

Garage Span: mucche, barboncini e stelle alpine

Garage Span è dal 1986 il nome dell’atelier e dello show-room della stilista Hermine Span a Innsbruck. Quello che un tempo fu un vecchio garage nella Angerzellgasse, di fronte al centro manifestazioni Treibhaus, è stato completamente ristrutturato al suo interno. Un’elisse in muratura offre spazio per l’esposizione, la vendita e la realizzazione degli abiti. Con lo stesso marchio vengono presentati due volte l’anno una collezione, pezzi unici e magliette e accessori impreziositi da serigrafie incisive di diversi motivi, come, stelle alpine, mucche, barboncini, chihuahua e molto altro ancora. Le collezioni si basano su pochi modelli di base e la stilista si discosta spesso dal mero elemento tessile prediligendo l’uso dei materiali più diversi. Qualche anno fa la stilista tirolese ha realizzato una piccola collezione in collaborazione con l’artista viennese Elke Krystufek. La Krystufek ha disegnato i capi, Hermine Span li ha realizzati: ne sono nati cappotti, giacche, gonne e accessori in lana cotta nei colori arancione, bianco e nero. Questa collezione è stata presentata presso il museo di arte applicata di Vienna con il nome „Yin Yang Eye“. Hermine Span è una delle icone della scena della moda e dell’arte austriaca. www.garagespan.at

Vi potrebbero anche interessare

continua +
In su
La tua casella di posta elettronica ha bisogno di vacanze?

Allora iscriviti alla nostra newsletter periodica dal Tirolo con esclusivi consigli per le vacanze.