Blog
Categorie
© Tirol Werbung / Rodler Ilvy
Mangiare e bere
© Tirol Werbung / Hörterer Lisa
Imprese
© Bert Heinzelmeier
Persone
© Tirol Werbung / Schreyer David
Architettura
© Tirol Werbung / Aichner Bernhard
Arte & cultura
© Tirol Werbung / Moore Casey
Tips
© Tirol Werbung / Haindl Ramon
Benessere
© Tirol Werbung / Webhofer Mario
Natura
© Tirol Werbung / Herbig Hans
Famiglia
© Tirol Werbung / Schwarz Jens
Varie
© Tirol Werbung / Neusser Peter
Sport
serie

Famiglie felici in montagna?

Aggiornato al 21.06.2021 in Famiglia

testo: Christian Thiele, foto: Verena Kathrein

Sì, in realtà è molto semplice. Almeno se condividi le cinque lezioni che il nostro autore ha imparato con i bambini intorno al Wilder Kaiser.

Lezione 1: è ora di giocare

"Dai, Stella, la malga è vicina, andiamo avanti ..." Normalmente mia figlia sente questa frase ogni cinque minuti quando siamo in montagna. Oggi ho deciso di non pronunciare affatto questa frase. Perché oggi faremo un gioco dopo l'altro, trovare i mostri, correre reggendo i brezel con una cannuccia, attaccare mollette agli avversari e così via. Dove e per quanto tempo camminiamo, oggi non importa. Giocare qui e ora è quel che conta.

Quando siamo in montagna con i bambini, noi accompagniamo loro - e non loro accompagnano noi
 

Noi, ovvero Christiane (28 da un po' di tempo ormai), io (non ne ho più 28 da un po'), Stella, 9, e Maxi, 8. Maxi è il nostro vicino, il figlioccio di Christiane e il nostro quasi figlio, perché il nostro vero figlio si sentiva troppo grande e troppo cool per questa vacanza – peggio per lui. Qui, all'Hintersteiner See, sopra Scheffau e sotto le cime rocciose del Wilder Kaiser. E oggi è prevista una giornata così così, soleggiata al mattino, temporale nel pomeriggio, quindi perfetta per un'escursione in famiglia come quelle che propone l'ufficio turistico di Scheffau. Per essere più precisi: Sabrina dell'ufficio turistico, che già sull'autobus sta diffondendo buon umore.

Divertirsi durante l‘escursione, perché giocare è la cosa più importante.
Divertirsi durante l‘escursione, perché giocare è la cosa più importante.

 "Uno, due, tre / ma Rudi dov'è?", ci ha gridato Sabrina. Quindici bambini lo ripetono urlando, e anche gli adulti - e subito appare una traccia di Rudi Rucksack, che dobbiamo trovare oggi. Chi attacca più mollette a Sabrina, chi porta dall'altra parte più salatini appesi a una cannuccia, chi contrabbanda più tappi di bottiglia nella biancheria intima, nelle scarpe e  nelle trecce sotto il naso dei controllori di frontiera, ottiene più punti. Di tanto in tanto, si intaglia il legno con coltelli sicuri per i bambini, si creano figure con la cartapesta, abbiamo anche montato una fettuccia da equilibrismo: è incredibile ciò che Sabrina tira fuori dal suo zaino. È incredibile, come può passare il tempo senza arrivare troppo lontano!

Giocando e esplorando il tempo vola via.
Giocando e esplorando il tempo vola via.

Ad un certo punto arriva anche la pioggia annunciata, ci rifugiamo appena in tempo nella gelateria di Scheffau – e i bambini sono felici! "Abbiamo giocato per tutto il tempo camminando sul Wilder Kaiser", dice Maxi. Ha incasinato un po' le cose con la geografia, ma che importa ...

Lezione 2: niente obiettivi per adulti

"Quando siamo in montagna con i bambini, noi accompagniamo loro - e non loro accompagnano noi", ha detto Sabrina, guida escursionistica e madre di due ragazzi. E ha ragione: troppo spesso si prende di mira un pascolo alpino, un passo, una vetta o anche "la bella vista" dal punto X – ma certi obiettivi degli adulti ovviamente non motivano i bambini. Oggi siamo in viaggio con Elfie, dal lago balneabile di Going alla Cappella di Asching e poi verso l’Hüttlmoos.

I bambini sono in primo piano durante le escursioni.
I bambini sono in primo piano durante le escursioni.

Sono arrivate dodici famiglie, alcune come noi dall'Alta Baviera meridionale, dove abbiamo montagne sotto il naso ogni giorno, ma diverse. Altri vengono dalla Bassa Sassonia, di solito vanno in vacanza sul Mare del Nord e ora, per cambiare, hanno fatto un viaggio nelle Alpi. E poi c'è una famiglia di Lipsia che guarda sempre la serie “Der Bergdoktor” (“Un dottore tra le nuvole”) e vuole vedere da dove viene. Stella e Maxi sono i più grandi tra i bambini, ma oggi sono di gran lunga i più lenti del gruppo dei lenti. Ecco perché troviamo più fragoline di bosco, more e, soprattutto, mirtilli, e li abbiamo battuti tutti abbondantemente nella competizione della lingua più blu! Non importa se facciamo qualche metro di dislivello in più o meno, se facciamo ancora i prossimi due tornanti o se torniamo indietro prima!

Stella e Maxi trovano più bacche e vincono di gran lunga nella gara della lingua più blu!
Stella e Maxi trovano più bacche e vincono di gran lunga nella gara della lingua più blu!

Lezione 3: lasciati incantare dalla natura

"Guardate, bambini, questi sono equiseti, sono piante antiche - erano praticamente i wafer  dei dinosauri", spiega Elfie. Cos’è il fiore della vedova, perché il farfaraccio ha foglie così enormi, Elfie spiega tutto questo, vividamente, pazientemente, divertendo, proprio come una nonna tirolese che fa la guida escursionistica come secondo lavoro - o forse il contrario . "Papà, Elfie sa tutto, anch’io voglio diventare una guida escursionistica", dice Stella.

Elfie spiega ai bambini tutto ciò che riguarda l'equiseto, i fiori della vedova e il farfaraccio.
Elfie spiega ai bambini tutto ciò che riguarda l'equiseto, i fiori della vedova e il farfaraccio.

Al lago palustre, Elfie spacchetta il suo arsenale: lenti d'ingrandimento, retini, passaporti per gli esploratori della natura, libri illustrati su animali e piante. Osserviamo il volo nuziale delle libellule. Ispezioniamo uno sciame di girini. Impariamo a conoscere la vita del coleottero. Dopotutto, Stella e Maxi sanno bene cosa distingue l'abete rosso dall'abete, quindi possono fare bella figura.
Tutto ciò che la natura ha realizzato, chi si protegge da chi e come, chi mangia chi, Elfie ci serve una grande porzione di "ah" e "oh". Ci meravigliamo di piante e animali tutto il giorno, quando mai fai una cosa simile? Troppo spesso, la natura è solo un luogo attraverso il quale ci affrettiamo - oggi ha il ruolo principale. Almeno, a patto che non finiamo i wafer ... E fintanto che in mezzo ci sono il Flying Fox e gli scivoli.

Maxi è stupito da tutto ciò che si può scoprire in natura.
Maxi è stupito da tutto ciò che si può scoprire in natura.

"Quello che mi è piaciuto di più è stato fare tante pause all'ombra", dice Maxi la sera. "Quello che mi piaceva di più era che Elfie aveva una risposta a tutto", dice Christiane. "Quello che mi è piaciuto di più è stato aver potuto volare con il Flying Fox così spesso", dice Stella.

Lezione 4: Risvegliare il bambino che vive in noi

Testa, spalle, fianchi, ginocchia? O era testa, fianchi, spalle, ginocchia? Per la sua canzone "Ritter Rüdiger", la band ha ideato una coreografia complicata che nessuno può ricordare – se ha più di sedici anni. I bambini, invece, ridacchiano, saltano, ridono e strillano a squarciagola. E si battono la testa, le ginocchia, le spalle e i fianchi. Svelto, veloce, più veloce.

Il padiglione dei concerti di Going è pieno, alcuni bambini sembrano conoscere il gruppo della Valle del Lech perché cantano, no: strillano, ogni sillaba di ogni strofa di ogni canzone. I "Bluatschink", che prendono il nome da una creatura mitica che dovrebbe vivere nel Lech, un tempo scrivevano ed eseguivano principalmente canti popolari a tema politico, ora eseguono sul palco un repertorio di canzoni per famiglie e per bambini. Quello che è rimasto è la parte ruvida del dialetto della Lechtal.

Un po' stanchi ma felici tutti si stanno godendo il concerto.
Un po' stanchi ma felici tutti si stanno godendo il concerto.

Il sole tramonta arancione-dorato, le rocce frastagliate del Wilder Kaiser sembrano dipinte da un paesaggista - ma i bambini non hanno senso per il romanticismo, si tratta ancora della testa, dei fianchi, delle spalle, delle ginocchia - o qualcosa del genere. Le iniziali inibizioni dei padri a partecipare sono state superate da tempo, forse ha aiutato anche una birra. Ora siamo tutti di nuovo bambini, alcuni hanno sei anni, altri sessanta, tutti implorano "Zu! Ga! Be!" (“Biiisss”). E se oggi qualcuno può, vuole o si addormenterà dopo questa azione? Non importa. L'unica cosa che conta adesso è :  la gelateria è ancora aperta?

Lezione 5: mettici l'acqua

Splash, splash, prima si bagnano i pantaloni, poi lo zaino, poi la maglietta - non importa, perché oggi, prima di tutto, il sole di mezza estate picchia dal cielo blu acciaio, e in secondo luogo, noi siamo nella "Hexenwasser" sopra Söll - e si tratta solo di bagnarsi. Una zattera di corda. Un sentiero sensoriale da percorrere a piedi nudi. Un'infinità di condutture in legno con dighe. E, nella "meraviglia blu", che in realtà è destinata al programma contro il maltempo, un impianto per esperimenti fangoso e inclinabile, che può essere utilizzato per simulare un ruscello di montagna. Nell’Hexenwasser, un'attrazione acquatica insegue l'altra. Ma sono attrazioni fatte di acqua, legno e pietra, non ci sono altri materiali qui, per questo il parco divertimenti si inserisce molto bene qui. Un po' sopra si trova l'Hohe Salve, di fronte il "Koasa" (Kaiser) con un tempo meraviglioso, e i bambini improvvisamente fanno quello che in realtà non volevano: camminano. Ma in realtà corrono, da un'attrazione all'altra.

Il mondo delle avventure alpine "Hexenwasser" sopra Söll.
Il mondo delle avventure alpine "Hexenwasser" sopra Söll.

L'acqua si percepisce, si beve, si ascolta, si osserva, si annusa e si gusta, una vera e propria ubriacatura sensoriale. Forse gli psicologi del profondo direbbero che la nostra fascinazione per l'acqua ci tiene in contatto con i nostri antenati animali, ma qualunque cosa sia: l'acqua entusiasma i bambini. Soprattutto in montagna.
Lungo il percorso c'è una postazione per riposare all'ombra, più precisamente una postazione per far riposare i genitori. Perché i bambini devono / possono / vogliono macinare la farina, mescolare l'impasto, avvolgerlo attorno a un bastoncino, e poi tenerlo sul fuoco - e il pane è pronto. "Questo è il miglior pane che abbia mai mangiato", dice Maxi, "lo voglio sempre come pausa pranzo". Va be’ vediamo….

Maxi vorrebbe avere il pane sul bastoncino tutti i giorni.
Maxi vorrebbe avere il pane sul bastoncino tutti i giorni.

I bambini non si sono mai arresi nelle giornate intorno al Wilder Kaiser, non c'era quasi nessun "ma" o "uffa" quando si alzavano, facevano colazione, si vestivano, camminavano più di quanto avessero voluto. Così sguazziamo per il resto della giornata nel - oops, Stella mi aveva effettivamente proibito di scrivere qualsiasi cosa sul lago balneabile di Going, sulle patatine fritte enormi, sulla zattera, sul parco avventura e sullo scivolo d’acqua extra-largo padre-figlia-fianco-a-fianco. Quindi preferirei non dire altro al riguardo, tranne: è stato fantastico!

Stella e Christian si divertono molto sullo scivolo.
Stella e Christian si divertono molto sullo scivolo.

Mondi avventurosi in montagna al Wilder Kaiser

Escursioni nella brughiera, parchi giochi all'aperto, cacce al tesoro, allevamenti di pony, libri di francobolli escursionistici ... i sei mondi di avventure in montagna al Wilder Kaiser hanno molto da offrire, in tutte le condizioni atmosferiche, per quasi tutte le età. Prenotazioni, cataloghi e ulteriori informazioni su www.wilderkaiser.info

 

Questo articolo è stato scritto da un autore che abbiamo ospitato. Troverai nell'articolo maggiori informazioni su di lui.

Gli ultimi articoli di Autore Ospite
Vacanze in fattoria nell‘Osttirol
aggiornato 3 giorni fa in Famiglia
Vacanze in fattoria nell‘Osttirol
7 min tempo di lettura
Panorama verso il Kals-Matreier-Törl-Haus.
, © Azzurra Forti
Aggiornato al 12.07.2021 in Famiglia
Alla scoperta dell’Osttirol: Vacanze estive con i bambini
8 min tempo di lettura
Horst Fankhauser
Aggiornato al 19.10.2020 in Persone
Imparare dal passato
9 min tempo di lettura
EOSR3279
Aggiornato al 05.10.2020 in Varie
Passeggiate accessibili? Sì, grazie!
3 min tempo di lettura
Jodeln-header
Aggiornato al 27.04.2020 in Varie
Jo-la-la-hi-hu… con lo jodel canti anche tu
8 min tempo di lettura
Sulla montagna Reither Kogel nella valle Alpbachtal.
, © Tirol Werbung, Georg Marshall
Aggiornato al 10.03.2020 in Tips
Sharing is Caring
8 min tempo di lettura
Baum-Holz
Aggiornato al 10.03.2020 in Imprese
Un Hotel 5 stelle superior che profuma di legno
9 min tempo di lettura
Alpbach
Aggiornato al 28.08.2019 in Varie
Un viaggio nella valle Alpbachtal, tra monti e mucche
5 min tempo di lettura
Reith
Aggiornato al 28.08.2019 in Famiglia
Una vacanza nell’Alpbachtal con i bambini
4 min tempo di lettura
BabyTrekking
Aggiornato al 28.08.2019 in Famiglia
In Tirolo tra neve, montagne e cioccolato: magica Sillian
6 min tempo di lettura
fullsizeoutput_4a5a
Aggiornato al 10.05.2019 in Famiglia
Il Tirolo dei bambini: la valle dello Stubai
6 min tempo di lettura
fullsizeoutput_4ae4
Aggiornato al 20.11.2018 in Famiglia
La valle Wipptal, un vero paradiso per le famiglie
4 min tempo di lettura
Foto: Sandra Hastenteufel / www.chrisauldphotography.com
Aggiornato al 16.10.2018 in Varie
Due è meglio di uno
7 min tempo di lettura
e-bike_da_montagna
Aggiornato al 28.03.2018 in Sport
E-bike: in salita con più carica
3 min tempo di lettura
Tutti gli articoli di Autore Ospite
Nessun commento disponibile
Scrivi un commento

Continua a leggere

In su
La tua casella di posta elettronica ha bisogno di vacanze?

Allora iscriviti alla nostra newsletter periodica dal Tirolo con esclusivi consigli per le vacanze.