Blog
Categorie
© Tirol Werbung / Rodler Ilvy
Mangiare e bere
© Tirol Werbung / Hörterer Lisa
Imprese
© Bert Heinzelmeier
Persone
© Tirol Werbung / Schreyer David
Architettura
© Tirol Werbung / Aichner Bernhard
Arte & cultura
© Tirol Werbung / Moore Casey
Tips
© Tirol Werbung / Haindl Ramon
Benessere
© Tirol Werbung / Webhofer Mario
Natura
© Tirol Werbung / Herbig Hans
Famiglia
© Tirol Werbung / Schwarz Jens
Varie
© Tirol Werbung / Neusser Peter
Sport
serie

Che tipo di escursionista sei?

Aggiornato al 03.05.2021 in Sport

Welcher Wandertyp seid ihr? Illustration: Monika Cichon

La regione tirolese vanta una ricchezza di flora e fauna incredibile, altrettanto variegata è la tipologia degli escursionisti che si aggira tra le sue montagne. Ce ne sono veramente di tutti i tipi! Dal lupo solitario in cerca della natura incontaminata, al superatleta alla scoperta delle creste più impervie per mettere alla prova i propri limiti. Dall’amante della sosta in baita con degustazione di canederli birra e strudel al nostalgico appassionato di piante. Non so se vi riconoscete in una delle tipologie.

L’escursionista gastronomico

L’escursionista gastronomico pregusta il canederlo ancor prima di salire in funivia. Scambia volentieri due chiacchiere con il tavolo dei vicini mentre si lecca i baffi dalla schiuma della birra (meritata!) e chiude in bellezza con uno strudel di mele ricoperto di panna – perché si sa: l’aria di montagna fa venire fame. Mentre il sole scalda la sua faccia lui sente il calore della grappa al cembro scendergli nello stomaco: viva l’escursionismo! Torna a valle soddisfatto al calar del sole.

L’escursionista Hipster

Fedele al motto „Yolo!“ gli Hipster salgono molto in alto. Con cappellino Beanie, occhiali rigorosamente vintage e zainetto all' ultimo grido condividono la loro gita alpinistica e i panorami su Facebook, Instagram & Co senza viverla troppo da vicino. Equipaggiati con il selfie-stick vanno a caccia: oh – un fiore blu, una pietra a punta, quant’è bianca questa nuvola – forti questi scorci della montagna! Parlano tutto il tempo della loro avventura. La loro attività sta consiste nello sharing, tracking e mettere like a manetta. La giornata si conclude a valle con un grande chilling, gustando uno strepitoso barbecue naturalmente vegano, senza lattosio e glutine. Bello piacere a così tante persone.

L’escursionista hightech

Più in alto. Più veloce. Andare oltre. Lo Hiker Hightech sceglie le salite più ripide. Sale rapidamente con suolette ultraleggere. Guarda avanti, la meta sempre presente. Passa oltre le mucche e i loro ricordi sulla terra. Si affanna, tira su col naso, suda. Ma la sua fascia sulla fronte tiene. La cima è vicina. Il sole è alto. Il contenuto dello zaino sprona. In cima. Novecentoquarantatrè metri di dislivello, quattro chilometri in quarantaquattro minuti, quarantatrè secondi e due centesimi. Lo smartwatch lo sa. Cerca la sua barretta energetica. Il valore è di 600 chilocalorie. Fatta di datteri, sale, cacao e simili. Arrivato in vetta si cambia la maglietta traspirante e torna a valle. Prestazione perfetta.

L’escursionista individualista

L’alpinista solitario consulta la sua guida all’alba in cerca di rotte nuove e di itinerari poco battuti. Evita come la peste le cime più famose per buttarsi su percorsi alternativi. Cammina per ore in piena solitudine, medita e contempla i paesaggi. Arrivato in cima si gode il panorama, mentre osserva con un certo disappunto il brulichio di persone sulle altre vette. Scuote la testa, si appoggia alle croce e addenta la mela godendosi pace e silenzio.

L’escursionista retrò

L’escursionista retro è facilmente riconoscibile dalle sue scarpe di cuoio, la camicia con i quadretti bianchi e rossi, i pantaloni di pelle. Come accessorio porta il suo cane da caccia marrone. Le montagne sono la sua patria. Ama la natura, conosce la genziana e l’arnica e possibilmente anche il resto di tutte le 137 varietà di fiori alpini sotto protezione in Tirolo. La sua lettura preferita sono le cartine geografiche e le carte da gioco. Conosce ogni cima. Nessun sentiero è troppo lungo per non portarsi dietro formaggio o prosciutto. Con il suo binocolo cerca i camosci, e continua a chiedersi perché gli altri abbiano bisogno di cellulari e orologi supertecnologici per scalare le montagne.

Ditemi, in quale escursionista vi siete riconosciuti? 

Maggiori informazioni sull'escursionismo in Tirolo: www.tirolo.com

Cosmopolita e amante delle luci della città. Ma quando ha bisogno di staccare la spina Ines Mayerl torna volentieri a casa tra le montagne tirolesi. Per scoprire i nuovi Caffè di Innsbruck, per divertirsi sulle piste e ritrovare il contatto con la natura.

Gli ultimi articoli di Ines
Bäri
Aggiornato al 01.03.2021 in Mangiare e bere
Stanchezza primaverile: come affrontarla in modo naturale.
6 min tempo di lettura
Innsbruck
Aggiornato al 27.07.2020 in Tips
72 ore a Innsbruck
3 min tempo di lettura
20141109_STB_TW351_TelferWiesen_003_kleiner
Aggiornato al 21.07.2020 in Tips
I Tour più belli per scoprire il Tirolo in treno e corriera
12 min tempo di lettura
Muttekopfhütte
Aggiornato al 07.08.2019 in Sport
10 consigli per il giusto comportamento in montagna
4 min tempo di lettura
Sonnenskilauf in St. Anton  am Arlberg
Aggiornato al 13.02.2019 in Tips
SOLE + NEVE = I luoghi dove adoro sciare e prendere il sole
3 min tempo di lettura
Alfenalm in Innervillgraten
Aggiornato al 28.03.2018 in Tips
Capodanno in baita: le nostre dritte!
6 min tempo di lettura
E-Biken in den Kitzbüheler Alpen
10.08.2021 in Sport
E-bike-fotostory tra le Alpi di Kitzbühel
5 min tempo di lettura
Tutti gli articoli di Ines
1 commento disponibile
Scrivi un commento

Continua a leggere

In su
La tua casella di posta elettronica ha bisogno di vacanze?

Allora iscriviti alla nostra newsletter periodica dal Tirolo con esclusivi consigli per le vacanze.