Tramonto nelle Alpi di Kitzbühel, © Tirol Werbung/Frank Bauer
© Tramonto nelle Alpi di Kitzbühel, © Tirol Werbung/Frank Bauer

10 suggerimenti per una vacanza invernale nel Tirolo austriaco


Il Tirolo d'inverno è un paese superlativo. Volete fare le vostre discese sugli sci nel più grande comprensorio sciistico dell'Austria? Sci di fondo dove i migliori biatleti del mondo disputeranno i loro campionati mondiali? Escursioni invernali dove dietro ogni angolo vi attira un rifugio con piaceri gastronomici?

Uno va matto per le arie del belcanto, l'altro trova la sua serenità solo quando tutti i muscoli dello sciatore sono stanchi e reclamano un massaggio. Uno ha bisogno di action, l'altro di tranquillità. Come ci si lascia alle spalle la quotidianità e come ci si rilassa meglio è un fatto molto individuale. Tra questi dieci suggerimenti per una vacanza invernale ognuno trova ciò che fa per sé: gli sportivi ambiziosi e i buongustai golosi, i fan dei superalcolici e gli amanti della cultura selezionata, famiglie con bambini avventurosi e poi tutte le persone che vogliono regalare a se stessi e ai loro cari dei bei momenti.


1 · Stupendo, più grande, Arlberg: la fusione dei comprensori sciistici grazie alla nuova funivia Flexenbahn


© Tirol Werbung/Josef Mallaun

Nessun dubbio: il comprensorio sciistico all'Arlberg era già un paradiso per gli sportivi invernali ambiziosi, che cercavano la varietà. A partire della stagione 2016/17, la regione tra Tirol e Vorarlberg può definirsi orgogliosamente “il più grande comprensorio sciistico interconnesso dell'Austria: la nuova funivia Flexenbahn tra Zürs e Stuben/Raus lo rende possibile. Con la nuova funivia sarà colmata l'ultima lacuna, e tutte le località della regione Ski Arlberg – St. Anton e St. Christoph, Stuben, Zürs, Lech, Oberlech, Schröcken e Warth – saranno raggiungibili sugli sci. Ciò non significa solo un totale di 305 chilometri di piste in una delle più belle regioni dell'Austria, ma anche una riduzione di 120 corse di bus e innumerevoli corse in macchina ogni giorno. Fa bene all'ambiente e anche al benessere degli ospiti.

Chi viene salutato con un cordiale “Griaß di!”, intuisce subito che l'“Himmelhof” non porta quel nome per nulla. A St. Anton la vecchia fattoria di una volta si presenta oggi come un meraviglioso, accogliente hotel a quattro stelle.

2 · Niente e in tal modo tutto: la valle Villgratental


© Tirol Werbung/Bert Heinzlmeier

„A noi non manca niente!“, dicono gli abitanti della Villgratental. E veramente gli abitanti di Innervillgraten e Außervillgraten, le due località della valle Villgratental nell'Osttirol, non hanno  niente – almeno niente che altre regioni turistiche ritengono indispensabile: nessun collegamento tra i comprensori sciistici, nessun albergo enorme, nessun parco acquatico, nessuna discoteca après-ski. Niente. E in tal modo possiedono, all'opposto, tutto: una natura incontaminata, che regala agli escursionisti invernali e ai fondisti sensazioni fantastiche, e una lentezza contemplativa, che i cittadini frenetici all'inizio di una vacanza troveranno addirittura irritante. Ma solo fino a quel primo momento di soddisfazione sorprendente, quando sentono improvvisamente che qui, in mezzo alle montagne innevate, sono arrivati a se stessi, forse per la prima volta da anni.

La filosofia, che caratterizza tutta la valle, si sente intensamente nel Natur Residenz Villgraten: nei letti di pino cembro e prodotti di lana di pecora di animali della valle Villgraten si dorme in modo rilassante, sano – e particolarmente soddisfacente se prima, nel ristorante premiato Gannerhof, ci si è lasciato scogliere in bocca un piatto di agnello alpino della Villgratental.

3 · Ammirare le star dello sci nel comprensorio sciistico di St. Johann


© Angerer Alm

Un consiglio d'amico per le famiglie e contemporaneamente un comprensorio per l'allenamento degli sciatori professionisti della coppa del mondo? È possibile! - Nel comprensorio sciistico di St. Johann. Da un lato le famiglie con bambini piccoli  o ragazzi avventurosi amano le piste perfettamente preparate, i lift gratuiti e l'ampia area per l'allenamento, la pista da divertimento con numerosi ostacoli e la pista di slittino. All'opposto gli sciatori esperti apprezzano la presenza, tra le piste in gran parte di difficoltà media, anche di una pista nera (particolarmente difficile), la pista FIS Sauregg. E chi si trova in zona durante il week-end delle famose gare Hahnenkamm a Kitzbühel, può seguire l'allenamento della squadra di slalom austriaca.

Le possibilità perfette di ristoro e pernottamento direttamente nel comprensorio sciistico: la malga Angerer Alm unisce l'ambiente di una vecchia malga e le più alte esigenze gastronomiche. Nel Penzinghof a Oberndorf ci sono buone possibilità di incontrare al buffet della prima colazione uno o l'altro atleta del circo bianco.

4 · Sci di fondo a Seefeld


Centro sci di fondo a Seefeld, © Tirol Werbung/W9 STUDIOS

Chi cresce a Seefeld con il panorama su uno degli anelli da sci di fondo, non può far a meno che cominciare fin da piccolo con lo sci di fondo. “Lo sci di fondo”, dice con entusiasmo Martin Tauber, ex atleta professionista di successo, e oggi delegato amministrativo della rinomata scuola di sci di fondo “Cross Country Academy”, della sua città natale Seefeld, “si può praticare ad ogni età e in ogni condizione fisica. Il fascino per me è ancora di allenare ogni singolo muscolo in mezzo alla natura. Lo sport di resistenza rende felici.” Tauber consiglia ai principianti tre ore di lezioni private; da soli o al massimo in due. Perché “più ore non servono né nello stile classico né per lo skating per imparare la tecnica e per allenarsi poi da soli.” E se c'è una cosa che non manca a Seefeld, sono gli anelli perfettamente preparati per tutte le esigenze.

Se volete sapere cosa fanno davvero i biatleti, provate voi stessi il biatlon per gli ospiti a Seefeld – oppure anche nella valle Pillerseetal nelle Alpi di Kitzbühel. Sicuramente osserverete con più timore e tensione i biatleti che si sfideranno nel gennaio 2017, durante i campionati mondiali a Hochfilzen!

5 · La prima volta sulla pista: imparare a sciare con i bambini nella valle dello Stubai.


© Tirol Werbung/Laurin Moser

Chi scia per la prima volta ha bisogno dell'ambiente giusto. „Fa le cose per bene“, dicono gli austriaci – quindi: niente stress. È importante soprattutto per i bambini, e nella valle dello Stubai lo sanno.

L'atmosfera nel comprensorio sciistico Schlick 2000 è senza frenesia e rilassata: grazie alla dimensione limitata, le famiglie trovano qui le condizioni ottimali e la miglior assistenza. I piccoli provano a frenare nella neve nel club Big Ron's Kinderland, mentre i genitori si godono le discese. Alcuni chilometri più giù, verso fondo valle, al ghiacciaio dello Stubai, i futuri eroi delle neve sono in compagnia della mascotte B.Big. Anche qui i più piccoli sono al primo posto: con menu speciali per bambini e con prezzi adatti alle famiglie – i bambini sotto ai 10 anni e accompagnati da un genitore non pagano lo skipass. Per questa ragione, la valle dello Stubai è già stata premiata varie volte dall'Automobile Club tedesco ADAC come comprensorio sciistico delle Alpi più adatto alle famiglie.

Ad ottobre 2016 al ghiacciaio dello Stuabi verrà inaugurata la nuova funivia 3S Eisgratbahn con cabine di design: la salita sul monte diventerà così un'highlight. Dopo una giornata sugli sci i piccoli e i grandi si riposano nel migliore albergo per famiglie, il „Family Resort Stubai“ a Fulpmes, dove i bambini dormono in letti a castello e i genitori si godono il moderno comfort tirolese. In alternativa c'è l'albergo per famiglie „Auenhof“ con assistenza interna per i bambini.

6 · Il paesaggio più bello, gli alberghi migliori, il relax più totale


© Tirol Werbung/W9 STUDIOS

Qual è l'arte di essere un buon oste? I migliori albergatori tirolesi sanno cosa conta: non solo la  gentilezza professionale, ma la cordialità sincera; un ambiente giusto con le radici nella regione. In breve: alta qualità e un paesaggio stupendo. L'albergo Wiesenhof am Achensee è uno di quegli hotel che dimostrano cosa fa la differenza tra un soggiorno in un albergo di lusso e un ricordo indimenticabile. All'ingresso delle idilliache valli Karwendeltäler, che sono famose tra i fondisti e gli escursionisti invernali, la vecchia fattoria nel centro di Pertisau offre tutto ciò che ci si aspetta da un albergo quattro stelle superior - e anche di più: per esempio un'enorme piscina in stile liberty. Oppure i trattamenti wellness con olio minerale, un rimedio naturale locale sperimentato nella medicina popolare da centinaia di anni.

Se trascorrete una vacanza nella parte ovest del paese, provate l'Alpine Lifestyle Hotel Jungbrunn nella idilliaca valle Tannheimer Tal con il suo reparto spa pluripremiato. O ritiratevi nel Naturhotel Waldklause a Längenfeld, che si inserisce in piena armonia nel paradiso degli sport invernali della Ötztal.

7 · Pantofolaio per passione: il Postgasthof Gemse a Zams


Trattoria Postgasthof Gemse a Zams, © Tirol Werbung/Verena Kathrein

Cosa fa riconoscere in un buon cibo qualcosa che congiunge corpo e anima? Al Postgasthof Gemse a Zams lo si vede in modo esemplare, la famiglia dell'attuale padrone Seppl Haueis sa da quasi 300 (!) anni, da cosa dipende: prima di tutto naturalmente dalla qualità di piatti e bevande. Poi dal servizio cordiale e attento, ma ciononostante discreto. E infine dall'ambiente. Il posto. La maggior parte delle fattorie e Wirtshäuser tirolesi non si può immaginare senza una Stube perlinata con una stufa di maiolica. La stube era un tempo l'unica camera di una casa ad essere riscaldata ed è ancora oggi una tana incomparabilmente accogliente, dove per un po' di tempo il gelido mondo invernale può andare a farsi friggere.

Il ristorante Postgasthof Gemse della famiglia Haueis è una delle 130 locande circa, che possiedono il desiderato sigillo di qualità “Tiroler Wirtshaus”. Se una sera si fa troppo tardi o se il vino è stato troppo buono, c'è la possibilità di prendere una camera nella pensione gestita della famiglia Haueis. Chi cerca un buen retiro del tutto particolare, prende una camera nel Klostergasthof Kronburg.

8 · Uscire dal tran tran quotidiano: escursioni invernali e peccati di gola nella valle Alpbachtal


© Alpbachtal

Lo scintillante manto della neve, i rami degli alberi imbiancati, lo scrocchio sotto le suole: forse l'escursionismo invernale è cosa per romantici. Ma più probabilmente porta un po' di relax nel tran tran quotidiano: chi cammina attraverso il paesaggio innevato nella valle Alpbachtal, passando davanti ad autentiche fattorie ristrutturate, piccole cappelle, lungo i ruscelli ghiacciati, sempre con il panorama imponente davanti gli occhi, respira profondamente. E si ferma per un attimo – e gode.

La regione Alpbachtal offre ai buongustai, ai romantici e a chi ama le soste percorsi scelti per escursioni invernali verso le mete più belle: per esempio al castello Schloss Matzen con il suo incantevole parco naturale, o intorno al lago Berglsteinersee.

Ci si può godere ancora meglio un'escursione invernale se alle fine ci aspetta un peccato di gola: un consiglio d'amico è il ristorante al lago Berglsteinersee (chiuso di lunedì e martedì). Per raggiungerlo si passeggia sul sentiero Romantikwanderweg Berglsteinersee, salendo dal parcheggio Reintalersee Ost (a pagamento)  per quasi 30 minuti sulla strada forestale, fino al lago Bergelsteinersee. Da lì il sentiero gira intorno al piccolo lago.

9 · Per le pulci del ghiacciaio: sciare tutto l'anno al Ghiacciaio di Hintertux


© Tirol Werbung/Regina Recht

State aspettando già dalla tarda estate le prime nevitcate e cercate in primavera gli ultimi spiazzi bianchi sulle piste? Allora al Ghiacciaio di Hintertux siete nel posto giusto – come tutti gli altri gaudenti, che amano praticare gli sport invernali con le temperature tiepide. L'unico comprensorio sciistico aperto tutto l'anno dell'Austria offre 365 giorni piste perfettamente preparate per sciatori e snowboarder. A proposito delle pulci del ghiacciaio: veri e vivi esemplari del minuscolo miracolo di sopravvivenza nel ghiaccio eterno si potranno osservare durante una visita della grotta Spannagelhöhle, la grotta accessibile più alta d'Europa, in profondità sotto il ghiacciaio.

Rilassarsi durante la vacanza vuol dire non dover guidare la macchina tutti i giorni. Quindi il motto è: dalla prima colazione di lusso, direttamente sulla pista. E ciò è possibile nell'Hotel Alpenhof quattro steĺle superior a Hintertux.

10 · Belcanto nel periodo natalizio: il festival invernale e Erl


© Peter Kitzbichler

È successo qualcosa di straordinario: proprio a Erl, un paese tirolese di confine, venne costruito nel 2012 un nuovo Teatro del Festival. L'edificio scintillante di nero e dai contorni  acuti dello studio di architettura “Delugan Meissl” completa e contrasta la bianca lumaca del vecchio Teatro del Festival nelle immediate vicinanze. E il nuovo Teatro, che brilla anche per la sua acustica quasi perfetta, permetteva al direttore generale del festival Tiroler Festspiele Erl, Gustav Kuhn, di arricchire il Festival estivo col Festival invernale. La produzione centrale della stagione 2016/17, che inizia già il 18 dicembre con il “Weihnachtsoratorium” di Johann Sebastian Bach, sarà l'opera buffa “L'italiana in Algeri” del maestro del Belcanto Gioachino Rossini.

Di giorno sulla pista o sull'anello di fondo, la sera all'opera, e dopo una cena squisita: a soli pochi minuti a piedi dai luoghi culturali di Erl si trova il ristorante Gasthof Blaue Quelle, che recentemente è stato premiato come “Ristorante dell'anno” dell'Austria.

In su
Live Chat
Live Chat