Sentiero di lungo percorso
L'Alta via del Karwendel


L'Alta via attraverso la parte sud delle montagne del Karwendel incanta con un paesaggio svariato: qui i panorami sulla valle dell'Inn, lì la solitudine del selvaggio Karwendel. Il percorso comprende 7.000 metri di dislivello, di cui 3.400 in salita, dalle tranquille alta valle e malghe fino alle vette rocciose del più grande parco naturale dell'Austria.

Con i suoi tratti a parte difficili, l’alta via del Karwendel è pensata per alpinisti esperti che sentono di essere fisicamente preparati a superare le sei tappe giornaliere con un totale di 60 chilometri circa.

Un’esperienza del tutto speciale.sono i cinque rifugi selezionati del Club Alpino. Offrono stube accoglienti e possibilità di pernottamento, piatti squisiti e panorami affascinanti sulla natura alpina

Consigliamo di percorrere il sentiero da ovest a est. Ai camminatori più ambiziosi aspettano alcune vette che meritano di essere conquistate come per esempio la cima Stempeljochspitze. È possibile salire e scendere da tutti i rifugi e due impianti di risalita della zona possono ridurre significativamente la prima e la terza tappa. Il punto di partenza del tour è raggiungibile con i mezzi pubblici.

Apri mappa grande

Punto di partenza  

Reith bei Seefeld

Punto d'arrivo

Scharnitz

Catena montuosa

Lunghezza

63 km

Durata

6 giorno(i)

Caratteristica

  • Tour escursionistici per disabili su sedia a rotelle
  • Escursioni circolar

Grado di difficoltà

difficile (sentieri alpini neri)

Altitudine

2.210 m 980 m

Dislivello in salita 3.700 m
Dislivello in discesa 3.300 m

Condizione

* Si tratta qui di valori indicativi e suggerimenti. Per favore tenga presente le Sue abilità personali e la situazione meteo attuale. Non si assume responsabilità per l'essattezza delle informazioni.

Descrizione del percorso


Tappa 1: Reith bei Seefeld – Nördlinger Hütte
Metri di dislivello in salita: 1.150 metri, durata: 3 ore, lunghezza: 6,5 chilometri

Il tour comincia con una salita fino ad un accogliente rifugio del club alpino con uno stupendo panorama. Alla stazione di Reith bei Seefeld si segue la strada in direzione nord. Attraversando la via romana, si continua sul sentiero panoramico finché non svolti sul sentiero n° 211. Si segue il sentiero e, girando verso destra, si continua con una serie di tornanti fino al rifugio Schartlehnerhaus (1856 m). Da lì si prosegue per il costone ricoperto di pino mugo lungo il cosiddetto crinale “Schoaßgrat”, inizialmente in curve, poi più lineare fino al rifugio Nördlinger Hütte (2239 m).

Dalla stazione a valle degli impianti di risalita “Bergbahnen Rosshütte” a Seefeld si prende la funicolare per il Rosshütte (1751 m) e si prosegue con la funivia Härmelekopfbahn fino al punto di partenza dell’escursione. Da qui, si raggiunge il rifugio Nördlinger Hütte prendendo il sentiero Kuntersteig (10) o, in alternativa, attraverso un tratto ripido ed esposto che passa per l’Härmelekopf e la Reither Spitze (79).

 

Tappa 2: rifugio Nördlinger Hütte - rifugio Solsteinhaus
Metri di dislivello in salita: 350 metri, durata: 4 ore, lunghezza: 6,7 chilometri

Questa tappa conduce al rifugio Solsteinhaus passando per il valico Ursprungsattel e la forcella Eppzirler Scharte. Dal rifugio Nördlinger Hütte si parte inizialmente in direzione est, seguendo poi l’andamento del sentiero verso nord ai piedi della Reither Spitze e infine proseguendo verso est fino al valico Ursprungsattel (2.087 m). Da qui si continua sul sentiero discendente in direzione nord-est. Arrivati alla sella Breiter Sattel (1.794 m), prendere il sentiero 74 verso destra che porta alla forcella Eppzirler Scharte. Attraversare la grande pietraia del Kuhljoch e con pochi tornanti ci si raggiunge l’Eppzirler Scharte (2102 m). Da qui si scende per circa 200 m di dislivello il ghiaione calcareo dell’Höllkar (sentiero 212). Di seguito si prosegue sul sentiero 211/212 che, dopo alcuni moderati dislivelli, conduce al rifugio Solsteinhaus.

 

Tappa 3: rifugio Solsteinhaus - rifugio Pfeishütte
Metri di dislivello in salita: 1.303 metri, durata: 8 ore, lunghezza: 16,5 chilometri

La più lunga tappa dell’alta via del Karwendel conduce gli alpinisti al rifugio Pfeishütte, passando per i sentieri Gipfelstürmerweg e Goetheweg. Dal rifugio Solsteinhaus prendere il sentiero 213 in direzione della malga Möslalm. Alla biforcazione verso la “Wilde Iss”, si segue il sentiero Gipfelstürmerweg (215) in direzione est. Passa davanti ad un capanno di caccia. Il sentiero tortuoso conduce lungo un crinale fino al cosiddetto “Hippen”. Dopo una breve discesa, si continua attraverso passaggi molto ripidi, assicurati mediante funi, fino al valico Frau Hitt Sattel, a ovest della pronunciata vetta della Frau Hitt. Dal valico Frau Hitt Sattel, seguendo il sentiero Schmidhubersteig con un’iniziale rapida discesa, attraversando pascoli montani, si arriva al ristorante Seegrube (1.906 m). Da qui si prende il sentiero 216 che sale verso il rifugio Hafelekarhaus (2.269 m). Verso sud, sotto la vetta Hafelekarspitze, corre il sentiero Goetheweg (219) che porta al rifugio Pfeishütte. Inizialmente si segue il sentiero con scorci mozzafiato sulla città di Innsbruck e sulla valle Inntal, passando dal Gleirschjöchl, e si giunge senza grossi dislivelli alla forcella Mühlkarscharte. Dalla Mühlkarscharte il sentiero si sposta sul lato nord della catena montuosa Nordkette e regala viste maestose sulle imperve montagne del Karwendel. Tramite un percorso tortuoso si giunge alla forcella Mandlscharte (2.314 m) e da lì si scende verso il rifugio Pfeishütte. L'ultima tratta conduce attraverso un bosco di pino mugo al rifugio Pfeishütte

Variante: chi voglia risparmiarsi i 363 m di dislivello dal ristorante Seegrube alla stazione a monte Hafelekarhaus, può utilizzare la funivia Hafelekarbahn.

 

Tappa 4: rifugio Pfeishütte - rifugio Bettelwurfhütte
Metri di dislivello in salita: 500 metri, durata: 4,30 ore, lunghezza: 8,9 chilometri

Questa tappa conduce al rifugio Bettelwurfhütte passando per il passo Stempeljoch e il sentiero romantico Wilde-Bande-Steig. Dal rifugio Pfeishütte si segue il sentiero 221 (Via Alpina) in direzione est con una lieve pendenza fino allo Stempeljoch (2.215 metri). Da qui si prosegue con una ripida discesa su un sentiero ghiaioso. (Attenzione: all’inizio dell’estate sul ghiaione ci sono spesso accumuli di neve vecchia!) Dopo una discesa di circa 140 metri di dislivello si gira a sinistra sul sentiero Wilde-Bande-Steig. Inizialmente si procede con lievi dislivelli in direzione Lafatscher Joch passando sotto le pareti est e sud della cima Stempeljochspitze, del Roßkopf, così come del Großer e del Kleiner Lafatscher. Prima del Lafatscher Joch (2.081 m) vi aspetta ancora una salita con circa 80 metri di dislivello. Di seguito il sentiero 222 (Via Alpina) continua in lieve salita in direzione est attraverso il Kleine e il Große Speckkar. Nel fare gli ultimi metri per giungere al rifugio Bettelwurfhütte che troneggia come un nido d’aquila sulla parete sud del Kleiner Bettelwurf.

 

Tappa 5: rifugio Bettelwurfhütte - rifugio Hallerangerhaus
Metri di dislivello in salita: 300 metri, durata: 3 ore, lunghezza: 5,8 chilometri

Questa tappa conduce su antichi sentieri attraverso il Lafatscher Joch, fino al rifugio Hallerangerhaus. Dal rifugio Bettelwurfhütte, il nido dell’aquila dei monti del Karwendel, si riprende il sentiero 222 per tornare al Lafatscher Joch (2.081 m). Da lì si prende il sentiero 223 in direzione nord. Questo tratto fa anche parte del famoso sentiero di lungo percorso “Adlerweg” (sentiero dell’aquila). Passando tra il Lafatscher, il Roßkopf e lo Speckkarspitze si continua a salire fino all'accogliente rifugio Hallerangerhaus (1.768 metri).

 

Tappa 6: Hallerangerhaus - Scharnitz
Metri di dislivello in salita: 82 metri, durata: 5 ore, lunghezza: 19,3 chilometri

L'ultima tappa dell’alta via del Karwendel consiste nella discesa attraverso la valle Hinterautal fino a Scharnitz. Dal rifugio Hallerangerhaus si segue il sentiero 224 in direzione ovest. (c'è la possibilità di una deviazione per la cima Sunntigerspitze). Poi si oltrepassa la malga Kohleralm e presto si raggiunge il Lafatscher Niederleger. Ora si discende con una maggiore pendenza lungo il sentiero carrabile fino alla valle Hinterautal. La malga Kastenalm può essere raggiunta con una breve deviazione, segnalata al bivio. Da qui si continua a percorrere la strada carrabile verso la valle, superando la sorgente dell’Isar, cioè il posto dove si uniscono tre ruscelli per diventare la turchese Isar. Si sale leggermente fino al Gleirschhöhe (1.069 m) e infine si prosegue di nuovo comodamente in discesa, oltrepassando davanti alla trattoria Gasthof Wiesenhof, fino a raggiungere il ponte sull’Isar e successivamente Scharnitz. Chi è stanco di camminare, può noleggiare una bicicletta al rifugio Hallerangerhaus e accorciare così una parte della discesa dalla malga Kastenalm fino a Scharnitz.

Data arrivo

Come raggiungete la vostra meta? In aereo, treno, bus o auto.

Il Suo indirizzo d\'arrivo: Reith bei Seefeld

powered by Rome2Rio

Cerca e prenota


Tour escursionistici in questa zona


continua +
In su
La tua casella di posta elettronica ha bisogno di vacanze?

Allora iscriviti alla nostra newsletter periodica dal Tirolo con esclusivi consigli per le vacanze.

Live Chat
Live Chat