Sentiero dell’aquila – Tappa 12: Rifugio Hallerangerhaus – rifugio Pfeishütte - Hafelekar - Nordkette Innsbruck


Nostalgia della vita di città? Detto, fatto: la meta della tappa di oggi è Innsbruck, il capoluogo del Tirolo. Imboccata una vecchia mulattiera si raggiunge innanzitutto la forcella Lafatscher Joch, scendendo poi dolcemente fino al rifugio Pfeishütte, dove comincia il sentiero Goetheweg. Dopo una breve salita si scollina nella valle dell’Inn e, quasi duemila metri più in basso, si possono già ammirare le anse luccicanti dell'Inn. Dalla cresta dell'Hafelekar si saluta il bizzarro pinnacolo della "Frau Hitt", emblema roccioso di Innsbruck, e si scende poi verso il fondovalle a bordo della funivia della Nordkette. Pochi minuti e ci si ritrova già nel cuore di Innsbruck, pronti per gironzolare nell'antico centro storico tra negozi, monumenti, eccellente gastronomia ed interessanti eventi culturali.


Da sapere su questa tappa

Lo sguardo dell’aquila · La stazione di misurazione dell'Hafelekar è un osservatorio di raggi cosmici dell'Università di Innsbruck. Voluto dal premio Nobel per la fisica Victor Franz Hess (1883 - 1964), attraverso un'apposita apertura l'osservatorio permette di gettare uno sguardo alle origini della fisica ad alta energia. Un luogo che sembra predestinato alle grandi visioni: da non perdere, infatti, lo spettacolare panorama sul fondovalle e su Innsbruck che si gode dal sentiero Goetheweg.

La sfida dell'aquila · Sul "Nordkettenbahn Single Trail" i patiti del downhill scoprono cos'è la vera adrenalina. Tra i più lunghi e difficili d'Europa, questo percorso di downhill parte dalla conca della Seegrube. Chi decide di fare una pausa alla stazione intermedia della funivia può ammirare questi scavezzacollo sfrecciare giù per il pendio tra salti e acrobazie.

Apri mappa grande

Punto di partenza  

Rifugio Hallerangerhaus (1.768 m)

Punto d'arrivo

Innsbruck

Catena montuosa

Lunghezza

13 km

Tempo di percorrenza

5 h 30 min

Caratteristica

  • Tour escursionistici per disabili su sedia a rotelle
  • Escursioni circolar

Grado di difficoltà

difficile (sentieri alpini neri)

Altitudine

2.280 m 570 m

Dislivello in salita 1.150 m
metri di dislivello in discesa 970 m

Il Sentiero dell'aquila

Questa è una tappa del Sentiero dell'aquila, il più conosciuto itinerario a lunga percorrenza di Tirolo.

Downloads

Descrizione del percorso


Punto di partenza: Rifugio Hallerangerhaus

Dal rifugio Hallerangerhaus si imbocca il sentiero in direzione "Lafatscher Joch" raggiungendo un ghiaione che, man mano che si avanza, diventa sempre più ripido e stretto. Presto il percorso conduce attraverso il cosiddetto "Durchschlag" (letteralmente "perforamento", dove la vecchia mulattiera è stata scavata nella roccia) e poco più avanti, superata una croce, si sale dolcemente a un pianoro con il bivio per la cima Speckkarspitze. A questo punto si prosegue senza grande dislivello verso sud in direzione del passo Lafatscher Joch. Sul valico si segue la segnaletica "Pfeishütte". Lungo il sentiero, che ora scende con poca pendenza, si seguono le indicazioni per "Pfeishütte" e "Pfeishütte über Wilde-Bande-Steig". Il selvaggio sentiero Wilde-Bande-Steig si snoda attraverso macchie di pini mughi e diversi canaloni, salendo in leggera pendenza fino al ciglio del circo glaciale sotto il passo Stempeljoch. Qui si seguono le indicazioni per "Stempeljoch" e "Pfeishütte". Il sentiero che risale il ghiaione (strutture di assi, numerosi tratti di cavi metallici) diventa sempre più ripido, in compenso il fondo inizialmente sdrucciolevole in quota si fa più compatto. Dal passo si scende verso destra attraverso pascoli e prati fino ad arrivare al rifugio Pfeishütte.

Possibilità di ristoro: rifugio Pfeishütte

Proprio all'altezza del rifugio comincia il sentiero Goetheweg (n° 219), opportunamente segnalato. Il percorso, inizialmente ampio e poi sempre più stretto, sale dolcemente per la conca a sud del rifugio.  Al primo bivio si seguono le indicazioni per "Mandlscharte" e "Hafelekar Bergstation", mentre alla seconda biforcazione si tiene la destra (a sinistra devia il sentiero per la forcella Arzler Scharte). Percorrendo un ampio tornante nel canalone detritico si raggiunge la forcella Mandlscharte per poi scendere per il ghiaione dall'altro lato del valico. Il sentiero, ora di nuovo in buono stato e largo, prosegue lungo le falde detritiche sotto le rocce mantenendo la quota (straordinaria visuale sulle pareti nord della Nordkette). Dopo un breve tratto in salita si scollina nella Inntal, scendendo leggermente in serpentine. Dopodiché si avanza verso ovest sul comodo sentiero che attraversa la parte alta del fianco meridionale della Nordkette, scosceso e in parte erboso, guadagnando un po' di quota. La segnaletica da seguire è sempre "Hafelekar Bergstation", ovvero la stazione d'arrivo della funivia sull'Hafelekar, e "Goetheweg". L'ultimo tratto si snoda in cresta, cambiando ripetutamente versante.

Possibilità di ristoro: rifugio Hafelekarhaus

Poi si scende con la funivia Nordkettenbahn fino alla stazione Seegrube.

Possibilità di ristoro: Alpenlounge Seegrube

Per chi non desidera scendere nel fondovalle a piedi, con la funivia Nordkettenbahn e la funicolare Hungerburgbahn è possibile raggiunge direttamente la stazione di partenza al Congress Innsbruck e il centro storico del capoluogo tirolese. La discesa può essere combinata con una visita al famoso Alpenzoo.

Punto d'arrivo: Innsbruck

Informazioni sulla località


Data arrivo

Come raggiungete la vostra meta? In aereo, treno, bus o auto.

Il Suo indirizzo d'arrivo: Meinhardstraße 7-11, Innsbruck

powered by Rome2Rio

Cerca e prenota


Ricerca specifica

Tour escursionistici in questa zona


In su
Live Chat
Live Chat