Sentiero dell’aquila - Tappa 15: Rifugio Solsteinhaus – Leutasch/Ahrn


Non si fa in tempo a uscire dal rifugio che già comincia la salita verso la forcella Eppzirler Scharte, che richiede passo sicuro ma che regala in compenso una splendida vista sul Großer Solstein e sul Kleiner Solstein, i due pilastri occidentali della Nordkette. Superato l'anfiteatro detritico, il sentiero scende comodo in serpentine. A ca. 1.700 metri di quota si attraversa un'area di pascoli verdeggianti raggiungendo infine la malga Eppzirler Alm con i suoi incantevoli edifici rurali e la piccola cappella. Scendendo in pendenza dolce per la valle Eppzirler Tal ci si avvicina alla gola Gießenbachklamm, dove il sentiero diventa progressivamente più roccioso. Da Gießenbach, frazione di Scharnitz, il percorso prosegue inizialmente in direzione di Scharnitz, per poi piegare verso la sella Hoher Sattel e raggiungere Leutasch attraverso un rado bosco misto.


Da sapere su questa tappa

Lo sguardo dell’aquila · Nei passaggi più solitari si ha spesso l'impressione di essere i primi esseri umani a passare. Eppure questi luoghi sono percorsi già da molti secoli: in prossimità del confine con la Germania, su entrambe le sponde dell'Isar si intravedono i ruderi della Porta Claudia, risalenti al 17° secolo. La gola Gießenbachklamm è caratterizzata invece da bizzarre conformazioni rocciose e dal letto, per lo più in secca, del torrente. La panchina lungo il sentiero offre un favoloso punto panoramico sul Karwendel.

La sfida dell'aquila · Il Große Arnspitze è un solitario massiccio roccioso tra il Wetterstein e il Karwendel. Richiede una salita lunga e ripida che culmina con un passaggio in facile arrampicata per raggiungere la cima principale. Ad attendere l'escursionista una visuale grandiosa sulle prealpi bavaresi fino al lago Walchensee, sul gruppo del Karwendel, sulle Ötztaler Alpen e le Stubaier Alpen.

Apri mappa grande

Punto di partenza  

Rifugio Solsteinhaus (1.806 m)

Punto d'arrivo

Leutasch/Ahrn (1.094 m)

Catena montuosa

Lunghezza

20 km

Tempo di percorrenza

6 h 30 min

Caratteristica

  • Tour escursionistici per disabili su sedia a rotelle
  • Escursioni circolar

Grado di difficoltà

difficoltà media (sentieri alpini rossi)

Altitudine

2.110 m 1.000 m

Dislivello in salita 870 m
metri di dislivello in discesa 1.530 m

Il Sentiero dell'aquila

Questa è una tappa del Sentiero dell'aquila, il più conosciuto itinerario a lunga percorrenza di Tirolo.

Downloads

Descrizione del percorso


Punto di partenza: Rifugio Solsteinhaus

Al rifugio Solsteinhaus si seguono le indicazioni per "Eppzirler Scharte" e "Eppzirler Alm. Si sale inizialmente per i pascoli della malga Erlalm su sentiero segnato, poi si avanza su detriti e rocce attraversando il ghiaione alla volta della forcella Eppzirler Scharte. Al bivio che si incontra nel ghiaione si seguono le indicazioni "Eppzirler Scharte" (n° 212) e in ripida salita si raggiunge la forcella tra le cime Kuhlochspitze ed Erlspitze. Sull'altro versante si scende lungo l'anfiteatro detritico (Kuhloch), dapprima ripido e poi molto ampio, su un comodo sentiero in parte a serpentine. A circa 1.700 metri di quota il sentiero comincia a inoltrarsi tra pascoli verdi e, dopo un ultimo breve tratto di ripidi detriti, raggiunge definitivamente l'area d'alpeggio. Si continua quindi a scendere dolcemente fino alla malga Eppzirler Alm, l'ultimo tratto lungo il letto asciutto del torrente. Dalla malga si prosegue in pendenza moderata su un'ampia strada carrabile tra i pascoli, scendendo per la valle Eppzirler Tal. Al bivio (ca. 1.200 metri) per la malga Oberbrunnalm si continua verso l'uscita della valle, da qui sempre in pendenza dolce. Il percorso si snoda ora lungo il torrente Gießenbach (alternando la destra e la sinistra orografica) e si inoltra nella gola Gießenbachklamm. Inizialmente ancora immersa nel bosco, la gola diventa poi progressivamente più rocciosa. Il tracciato porta infine al parcheggio per chi sale alla malga Eppzirler Alm a Gießenbach, frazione di Scharnitz. Qui si attraversano i binari e la strada principale, nell'abitato si prende la prima strada a destra verso "Scharnitz" e si svolta poi a sinistra in direzione "Hoher Sattel". Più avanti si seguono le indicazioni per "Bogenschießstand" e "Scharnitz", poi si svolta a sinistra per "Leutasch" e poco dopo si imbocca sulla destra la strada forestale contrassegnata con "Leutasch über Hohen Sattel". Dopo questo breve tratto pianeggiante a Gießenbach, la forestale comincia a salire in pendenza moderata e poi più dolcemente attraverso il bosco misto della gola Sattelklamm. Ad un certo punto il tracciato diventa sentiero e risale il pendio tra vegetazione più rada, nel tratto intermedio in forte pendenza. Il sentiero si immette quindi in un altro tracciato: qui si continua nella stessa direzione verso la sella Hoher Sattel seguendo sempre le indicazioni "Leutasch/Ahrn". Una volta scollinato, si avanza su ampia strada forestale scendendo (in parte in forte pendenza) tra i boschi radi della valle Satteltal verso Leutasch/Ahrn. Si attraversa quindi il ponte sul Leutascher Ache. Non svoltare a sinistra subito prima dell’arrivo!

Punto d'arrivo: Leutasch/Ahrn

Possibilità di pernottamento e ristoro:

  • Eppzirleralm
  • Gasthof Ramona

Informazioni sulla località


Data arrivo

Come raggiungete la vostra meta? In aereo, treno, bus o auto.

Il Suo indirizzo d'arrivo: Leutasch

powered by Rome2Rio

Cerca e prenota


Ricerca specifica

Tour escursionistici in questa zona


In su
Live Chat
Live Chat